Perché tpost

di Stefano Mascioni

“E’ nata dall’idea di creare qualcosa che non c’era, ma di cui se ne sentiva il bisogno”.

Così Ferdi Porsche spiegava come fosse giunto alla conclusione di produrre la 911, la sua automobile di maggior successo.

tpost, che sta per tourism post, vorrebbe fare lo stesso, dando voce al movimento professionale italiano che quotidianamente fa vivere il business dell’ospitalità, producendo sintesi fruibili e immediate proprio come un post; dal bed and breakfast all’albergo pluristellato, tpost vorrebbe mettere a disposizione di chi vive di turismo le migliori fonti e le più autorevoli risorse intellettuali: per dare un volto ai protagonisti, spiegare le logiche i vizi e le performance del mercato, anticipando le tendenze e stimolando il dibattito costruttivo.

tpost è fatto di notizie, racconti, statistiche ed esperienze scritte a quattro mani con i professionisti del settore, un patrimonio da consultare per rimanere sempre aggiornati ma anche per trovare un’ispirazione, per valutare le opinioni di chi ha affrontato e risolto uno specifico problema già da tempo.

tpost non ha la pretesa di insegnare agli esperti dell’accoglienza come avere successo, vuole semplicemente mettere insieme informazioni utili per chi è alla costante ricerca dell’innovazione e del piacere di svolgere bene il proprio lavoro.

E’ finita l’epoca del lavoro amatoriale, il lavoro è professionismo assoluto*  e in un mercato che cambia in continuazione, bisogna informarsi, ripensarsi, mettersi in discussione, adattandosi giornalmente a standard migliori.

Perché solo un servizio eccellente ed in linea con i tempi, può trasformare un cliente nel reale e più credibile promotore di un’attività, generando il famigerato effetto virale, il più potente strumento di marketing che si possa desiderare.

* citazione di Carlo Talamo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *