Mare 2015: per l’Italia vale 27 miliardi

spiaggia
Continuano le previsioni positive per la stagione turistica 2015, secondo uno studio Jfc, il solo comparto balneare vale oltre 27 miliardi per una crescita di oltre 4 punti

La cifra è di quelle difficili da comprendere al volo. 27 miliardi e 590 milioni di euro (oltre 55.000 miliardi delle vecchie lire) di cui circa 7 miliardi 660 milioni di euro generati solamente dal settore ricettivo stagionale. Sono questi i valori in ballo secondo lo studio “Panorama turismo, mare Italia” realizzato da Jfc, società di consulenza specializzata in indagini sul turismo che ha calcolato il valore del business dell’industria balneare italiana (turismo e escursioni) nell’estate 2015.
Dopo anni di crisi e costante diminuzione della clientela italiana, molte destinazioni balneari nazionali segneranno dati in crescita da parte del mercato interno. Questi fattori aiuteranno a sostenere l’andamento complessivo delle destinazioni balneari italiane, per le quali si prevede un incremento delle presenze del +4,3% e degli arrivi del +6,1%.

Positivo anche il dato relativo al fatturato del comparto balneare italiano, che secondo la ricerca aumenterà di circa 4 punti percentuali. Le aree che otterranno i migliori risultati, sia per quanto riguarda le presenze che i fatturati, sono quelle dell’area pugliese (che ha anche il miglior brand-regione), ed in modo particolare quelle della costa salentina che si affaccia sul Salento (+5,2% di presenze e +5,8% di fatturato), il comprensorio del Gargano (+5,1% di presenze e +4,3% di fatturato) e la costa adriatica barese e del Salento (+4,8% di presenze e +3,5% di fatturato).

Indici estremamente positivi anche per la Maremma Toscana e l’area meridionale del Lazio (+4,8% di presenze e +4,2% di fatturato), come pure per l’inossidabile Costa Smeralda (+4% di presenze e + 4,5% di fatturato), per l’area siciliana che va da Marina di Ragusa sino a San Vito lo Capo (+4% di presenze e fatturato) e per quella Friulana (+4,3% di presenze e 2,6% di fatturato).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *