Il Waldorf Astoria di Manhattan diventa cinese per 2 miliardi di dollari

waldorfhome
Cambia padrone uno degli alberghi più famosi della grande mela, immortalato da decine di film e frequentato da tycoon, attori e star di tutti i campi


New York
– Il Waldorf Astoria di New York, un vero e proprio simbolo della grande mela, fiore all’occhiello della catena Hilton, ora appartiene al gruppo assicurativo cinese Anbang Insurance Group, che per ottenere la proprietà dello storico immobile ha messo sul piatto quasi due miliardi di dollari (1,95 miliardi per la precisione).

Il Waldorf Astoria di ManhattanHilton da parte sua, continuerà a gestire la struttura, grazie ad una partnership strategica con i nuovi proprietari che durerà 100 anni, mentre nei prossimi mesi la struttura sarà sottoposta a una serie di importanti lavori di ristrutturazione che la riporteranno al suo storico splendore .

“Siamo molto entusiasti di questo accordo a lungo termine con Anbang – spiega Christopher J. Nassetta, presidente di Hilton Worldwide – grazie al quale,  il Waldorf Astoria di New York rappresenterà ancora gli standard di classe mondiale del marchio per le generazioni a venire. Lavoreremo insieme e per massimizzare finalmente il valore di una vera e propria icona che occupa un intero isolato nel centro di Manhattan”

Con quasi due miliardi di dollari in tasca, Hilton Worldwide intende acquisire attività supplementari negli Stati Uniti, in una o più operazioni  che saranno ultimate e annunciate nelle prossime settimane, continuando la rapida espansione di quello che è diventato un vero e proprio marchio del gruppo (Waldorf Astoria Hotels & Resorts) già presente ad Amsterdam, Pechino, Chicago, Dubai, Gerusalemme, Ras Al Khaimah e Shanghai.

Il Waldorf Astoria di New York, affettuosamente chiamato “il più grande di tutti” dallo stesso fondatore della catena Conrad Hilton, è un vero e proprio  capolavoro Art Decò,  simbolo internazionale di eleganza e grazia per più di un secolo;  dispone di ristoranti cosmopoliti (tra cui il Peacock Alley, il Bull and Bear il Prime Steakhouse e l’ Oscar), lounge e bar, la Guerlain Spa, distribuiti su più di 60.000 metri quadrati di lusso e tecnologia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *